Casa della donna Pisa - Pisa (PI)

Indirizzo: Via Galli Tassi 8
56121 - Pisa (PI)
Telefono: Telefono Donna 050/561628
FAX: Associazione (numero telefonico e fax) 050/550627
Email: teldonna@tiscali.it
Indirizzo web: www.casadelladonnapisa.it
N. di socie: 65
N. di operatrici: 22
N. di volontarie: 16
Orario Settimanale:
Lunedì: dalle 10:00 alle 12:00 dalle 17:30 alle 19:30
Associazione: 09:00-12:00 e 16:00-19:00
Martedì: dalle 10:00 alle 12:00 dalle 17:30 alle 19:30
Associazione: 16:00-19:00
Mercoledì: dalle 10:00 alle 12:00 dalle 17:30 alle 19:30
Associazione: 09:00-12:00 e 16:00-19:00
Giovedì: dalle 10:00 alle 12:00 dalle 17:30 alle 19:30
Associazione: 16:00-19:00
Venerdì: dalle 10:00 alle 12:00 dalle 16:00 alle 18:00
Associazione: 16:00-19:00
Natura giuridica dell'ente gestore: Ass. Promo. Sociale
Anno di fondazione: 1996
Ente formato da sole donne (anche le operatrici): Si
Centro gestito dall'ente: Associazione
Case rifugio: 1
Quanti posti letto in totale: 8
Indirizzo segreto: Si
Tempo massimo di permanenza in giorni: 180
Finanziamenti/Convenzioni
con i seguenti enti pubblici:
- Comune
- Provincia
Il finanziamento pubblico copre i costi dei servizi (casa rifugio e centro) al: 75 %
Anno inizio attività di accoglienza: 1993
Le operatrici/volontarie sono solo donne: Si
L'associazione è composta da solo donne: Si
Il Centro è nato dal movimento delle donne: Si
Storia dell'Associazione/Centro:
Il Telefono Donna è nato nel 1993 nella Casa di via Galli Tassi, dove dal 1990 si riunivano gruppi di donne e femministe che sviluppavano attività culturali e d'iniziativa politica. Nel 1996, insieme agli altri gruppi, ha costituito l'Associazione. Il Telefono Donna nasce da un gruppo di volontarie, come luogo di ascolto, di accoglienza e di orientamento per donne in difficoltà, e da subito collabora con i servizi psicologici e legali già attivi e con il servizio di consulenza lavoro. Nel 1997, con un progetto regionale, apre una struttura di accoglienza per donne in difficoltà, ad indirizzo segreto, gestita in convenzione con il Comune di Pisa. Nel 1998 nasce il Progetto Persefone, rivolto a ragazze adolescenti e a madri in difficoltà, finanziato sulla L.285/97. Dal 2002 il T.D., la casa rifugio e Persefone fanno parte di un unico progetto:“Diventare cittadine” finanziato sul Piano Sociale Integrato della Zona Pisana (poi Società della Salute). Il centroantiviolenza si struttura: il gruppo delle operatrici, in maggioranza volontarie, è stabile, ha definito prassi e modalità di lavoro condivise e nel 2004 certifica i propri servizi (manuale della qualità). Nello stesso anno, su sollecitazione dell’Associazione nasce il Tavolo delle istituzioni e delle associazioni della zona pisana contro la violenza alle donne, cresce la collaborazione con le istituzioni e si moltiplicano i progetti di formazione ad operatori e di sensibilizzazione (finanziamenti regionali, Dip. P. O.). Dal 2004 il Centro ha progetti di cooperazione in Albania e dal 2010 in Argentina. Ha partecipato dal 1996 alla costruzione della rete regionale e nazionale dei centri antiviolenza.
- Colloqui telefonici
- Colloqui personali
- Gruppi di sostegno e/o auto-aiuto
- Informazione/consulenza giuridica
- Aiuto nella ricerca lavoro
- Formazione
Altro:
Dotato dal 2005 di sistema di qualità ISO 9000/200. Impegnato nella coperazione internazionale con Progetti con il Centro donna di Scutari in Albania e il Centro antiviolenza della zona Tres Fronteras in Argentina.
Anno 2007 - Agire efficacemente contro la violenza domestica-manuale per operatrici e operatori
· Protocollo provinciale. Linee guida per la presa in carico di donne vittime di violenza
Data ultima modifica scheda: 09/10/2015